U18 Silver EST - risultati e commenti 21 gennaio 2018
Lunedì 22 Gennaio 2018 21:00
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Campionato Regionale UNDER 18 Silver EST - Fase Provinciale TV / VE

CAMPIONATO REGIONALE UNDER 18 “SILVER”

Fase Provinciale di Qualificazione Treviso/Venezia  –  Girone “Est”

Sabato  20-01-2018 – Palasport “G.Gianquinto” – Venezia 

ASD VIRTUS VENEZIA – ASD JESOLOSANDONA’ BASKET  29 – 61 

1° quarto 6–22 / 2° quarto 13–36 (7-14)

3° quarto 21–47 (8-13) / 4° quarto 29–61 (8-14)

Note:

-          Usciti x 5 falli: nessuno

-          Tiri Liberi: Virtus 7 su 20 = 35,00 % – JSDB 7 su 18 = 38,89 %

-          Tiri da 3p: Virtus 2  –  JSDB 2

-          Falli: Virtus 17 – JSDB 20

-          Arbitri: Battagliarin R. di Cavallino-Treporti 

ASD VIRTUS VENEZIA

Bullo -, Milner 2, Dela Cruz 7, Ravagnan 3, Sambo -, Diprima 10, Longo -, D’Este -, Castiglioli 1, Visconti 4, Costantini 2

Allenatore: Campagnol Stefano 

ASD JESOLOSANDONA’ BASKET

Diral 6, Midena 5, Bergamo 2, Biancotto M. -, Sartori 2, Biancotto E. 2, Bisiol 4, Fregonese 12, Peretti 8, Marian 3, Dalla Vecchia 13

Allenatore: Bergamo Tiziano 

SAN DONA’ PASSA A VENEZIA NEL SEGNO DI “CATWOMAN”

Una bella giornata invernale, che contrastava con quella inizialmente buia e piovigginosa del mattino precedente, ci ha accompagnato nella lunga trasferta veneziana. Trasferta sempre disagevole non tanto per la distanza della meta, quanto per la tortuosità dei percorsi che costringono ad usare l’auto fino a Punta Sabbioni, poi il motoscafo per raggiungere Venezia, ed infine le suole delle scarpe su e giù per i ponti per arrivare alla palestra di turno.
Nel mentre attendevamo che le porte del Palasport dell’Arsenale venissero aperte, orfani del capo-allenatore Jacopo Epis, in palese conflitto d’interessi per la gara che avremmo dovuto disputare contro la Virtus Venezia, in quanto come tecnico con la medesima società sia pur per altre formazioni, la pattuglia di capitan Peretti si stava crogiolando sulle rive del bacino di San Marco come tanti gatti che facevano stretching sotto il tiepido sole temperante la bellissima ma fresca giornata invernale.

VirtusVe Jsdb a

Accatastati sulle due uniche panchine del piazzale antistante il Museo Navale, i boys sandonatesi attendevano sonnecchianti, godendosi l’impareggiabile paesaggio lagunare con sullo sfondo l’isola di San Giorgio ed il Palazzo Ducale ricoperti da un cielo da cartolina rigorosamente azzurro, appena sfumato nei contorni da una lieve foschia.
Alquanto distratti non si erano accorti che a pochi passi da loro, proprio sull’angolo della fondamenta dove il canale dell’Arsenale s’accompagna a quello di San Marco, sembrava veleggiare un misterioso personaggio vestito di nero con gli occhi avvolti da una maschera dorata celante una bellezza sicuramente celestiale, che sembravano osservare l’attesa incantata della nostra comitiva.

VirtusVe Jsdb b2

Non so chi fosse questo misterioso personaggio, ma se fosse stata l’enigmatica eroina di “Catwoman” non sarebbe stata una sorpresa, visto che poi si è eclissata così com’era apparsa, quasi con …. un balzo nel cielo, trasformandosi in un nera colomba che è volata sopra i tetti l’Arsenale, lasciandoci la sensazione di un messaggio come un auspicio favorevole per la gara che saremmo andati a disputare.

VirtusVe Jsdb c

Finalmente la porte di “Fort Arsenale” si sono aperte, e ci siamo così inoltrati nei freddi e deserti corridoi dell’impianto che una volta ricordavo sempre affollato e vociante, dove tanta storia della pallacanestro veneziana si era consumata tra dalle prodezze di Steve Howes e le mitragliate di Drazen Dalipagic. Infatti proprio in questo campo giusto trent’anni fa (25 gennaio 1987) il kalashnikov del serbo siglò un record memorabile di 70 punti in una sola gara del campionato di Serie A1. Per i nostri ragazzi è stato sicuramente un onore disputare una partita in questo “tempio” della pallacanestro italiana.

VirtusVe Jsdb d

Proprio per la spinta di queste emozioni la gara è per noi iniziata nel migliore dei modi: squadra concentrata, diligente, desiderosa di mettere in chiaro subito le gerarchie della classifica.
In verità i nostri tecnici si aspettavano un avversario più competitivo di quello che la Virtus ha dimostrato di essere ieri, perché recenti risultati la davano in crescita e competitiva anche con le migliori del girone.
Alla prova dei fatti, però, sarà stata la nostra decisa partenza ? sarà stata una per loro giornata decisamente no ? saranno stati i presagi di Catwoman ? ma la partita proprio non c’è stata, sviluppatasi in un senso unico di nome e di fatto.
Che giocassero le nostre prime linee così come i cosiddetti cambi, il dominio dei sandonatesi è stato netto ed assoluto, concedendo ai padroni di casa solo 29 punti in tutta la partita, mai più di10 inciascuno dei quattro tempi disputati.
Il nostro attacco si è svolto spesso con diligenza, buona circolazione e precise conclusioni. Soprattutto le prime sette/otto azioni sono state impeccabili con le precise conclusioni da fuori di Daniele e Simone ben serviti dalle guardie o dal play dopo che si erano liberati grazie ai precisi blocchi di Matteo D.V.
Proprio quest’ultimo, dopo un iniziale approccio negativo, in quanto tanto per non farci scordare il proprio nickname di  “brass curt” aveva sbagliato un rigore da sotto, si è fatto perdonare non solo per i 13 punti complessivi realizzati, che lo hanno elevato a top-scorer della giornata, ma soprattutto per la quindicina di rimbalzi arpionati e subito trasformati in rapide aperture di contropiede a beneficio dei compagni.
Alla fine del primo quarto, pur con Fede in giornata conflittuale col canestro (0 su 8 da tre, 3 su 10 da due), la squadra aveva messo fine al confronto con un perentorio parziale di22 a6 !

VirtusVe Jsdb e

Gli altri tempi si sono svolti all’insegna delle rotazioni frequenti di tutto il nostro roster a disposizione, che forse hanno inciso sulla continuità del gioco d’attacco facendolo diventare progressivamente troppo scolastico e rallentato, ma la difesa è stata sempre decisa lasciando ai padroni di casa solo briciole di opportunità, mettendoli sempre in seria difficoltà quale che fosse l’atteggiamento difensivo adottato.
Alla fine quasi tutta la squadra ha potuto iscriversi a referto, ma anche chi non l’ha fatto ha dato un valido contributo nel catturare rimbalzi, recuperare palloni, distribuire assist, tanto che il sottoscritto, che curava la redazione dello scout della partita, era sfinito dalla copiosa quantità di registrazioni annotate sul foglio.
Uniche note stonate della giornata l’imprecisione nel tiro maturata soprattutto nel 3° e 4° tempo, e quella complessiva nei tiri liberi per un assai deludente 7 su 18, ma i padroni di casa sono riusciti a fare ben peggio (7 su 20).
Dagli altri campi è risaltata la vittoria di Spinea su Quinto, che ha riaperto tutti i giochi della lotta per il secondo posto. Al momento tre squadre (Favaro – Spinea – Quinto) risultano appaiate nell’ordine, con i mestrini avanti nella graduatoria per la miglior differenza canestri negli scontri diretti. Manca ancora molta strada alla fine, ma gli scontri diretti saranno determinanti e non da ultimi gli eventuali exploit che potrebbero essere realizzati contro di noi. Siamo diventati la squadra da battere, quindi non aspettiamoci sconti da nessuno, perché tutti quando ci affronteranno cercheranno di dare il 101 %. A cominciare proprio dallo Spinea che domenica verrà a farci visita sul parquet del Barbazza a San Donà.

GBF

Fotogallery

VirtusVe Jsdb 01

VirtusVe Jsdb 02

VirtusVe Jsdb 03

Arsenale palestra

VirtusVe Jsdb 04

VirtusVe Jsdb 05

VirtusVe Jsdb 06

VirtusVe Jsdb 07

VirtusVe Jsdb 08

VirtusVe Jsdb 09

VirtusVe Jsdb 10

VirtusVe Jsdb 11

VirtusVe Jsdb 12

VirtusVe Jsdb 13

VirtusVe Jsdb 14

VirtusVe Jsdb 15

VirtusVe Jsdb 16

VirtusVe Jsdb 17

VirtusVe Jsdb 18

VirtusVe Jsdb 19

VirtusVe Jsdb 20

  

                                                                                                            back   



AddThis Social Bookmark Button
 

via Equilio - Jesolo Lido

parkequilio 174 77

Ferrari gelateria

               Videoclip

FCN Logo Neustadt